Home Cronaca Cronaca Milano

Questura di Milano: la Squadra Mobile esegue custodia cautelare in carcere nei confronti di un 41 enne per lesioni personali aggravate

0
CONDIVIDI

In data 30 gennaio 2018, personale della Squadra Mobile della ura di Milano ha dato esecuzione ad un ordinanza di custodia cautelareQuest in carcere emessa dal G.I.P. presso il Tribunale ordinario di Milano dott.ssa Laura Anna MARCHIONDELLI, su richiesta del Sostituto Procuratore della Repubblica dott. Luca GAGLIO, a carico di Davide PEZZOLLA responsabile di porto illegale di armi comuni da sparo, ricettazione e lesioni personali aggravate.

La misura cautelare si è resa necessaria dopo aver accertato quanto accaduto nel tardo pomeriggio del 25 novembre 2017, allorquando un uomo di 41 anni, cittadino italiano, è stato attinto agli arti inferiori da due colpi di pistola calibro 38 mentre insieme ad alcuni amici si trovava nei pressi della sua abitazione ubicata in via Creta n.17.

In quella circostanza, nonostante le ferite, la vittima è riuscita a disarmare l’aggressore dopo una colluttazione nel corso della quale anche il PEZZOLLA ha riportato delle contusioni al volto. L’arma sottratta è stata subito consegnata e sequestrata dagli operatori della Polizia di Stato intervenuti sul posto.

La stessa, una calibro 38 SMITH & WESSON SPECIAL, è risultata provento di furto come da denuncia presentata il presso la Stazione dei Carabinieri di ADRO (BS).

La vittima, dopo le prime cure presso l’Ospedale “San Carlo”, ha riferito agli agenti della Squadra Mobile di non conoscere la persona che gli aveva sparato, aggiungendo che i colpi sono stati esplosi a seguito di una reazione spropositata per la mancata risposta ad una richiesta di informazioni sul conto di due ragazzi residenti in zona.

Per risalire al responsabile della sparatoria gli investigatori hanno indirizzato le prime indagini sull’ambiente criminale che ruota attorno al traffico di sostanze stupefacenti. I primi riscontri hanno consentito di concentrarsi sulla figura di Davide PEZZOLLA, con precedenti per reati contro il patrimonio (rapine in particolare) e droga. Anche la perquisizione domiciliare presso l’abitazione dell’indagato ha dato esito positivo, in particolare il rinvenimento della custodia degli occhiali abbandonati sul luogo sull’agguato. E’ opportuno ricordare infatti che sul luogo del delitto, colui che aveva sparato, a seguito della colluttazione con la vittima, ha perso gli occhiali da vista. Le successive verifiche presso l’esercizio commerciale che ha venduto quegli occhiali hanno confermato l’appartenenza degli stessi a Davide PEZZOLLA, riscontrando quanto accertato dagli agenti della Squadra Mobile tramite i tradizionali sistemi di indagine tecnica e localizzazione.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here