Home Spettacolo Spettacolo Milano

Con il ritorno del Verismo arriva alla Scala Anna Bolena

0
CONDIVIDI
Con il ritorno del Verismo arriva alla Scala Anna Bolena
Con il ritorno del Verismo arriva alla Scala Anna Bolena

MILANO. 22 MAR. Il progetto di riportare alla Scala il repertorio italiano nella sua interezza, inaugurato nel 2016 con il grande ritorno del Verismo rappresentato da La cena delle beffe di Giordano, prosegue nel 2017 con due titoli belcantistici: Anna Bolena di Donizetti e La gazza ladra di Rossini. In particolare di Donizetti il Teatro alla Scala aveva a oggi una sola produzione, L’elisir d’amore. Da l 31 marzo al 23 aprile 2017 il teatro più importante d’Italia presenta dunque la Produzione del Grand Théâtre de Bordeaux di cui l’impegnativa parte di Anna è affidata a Hibla Gerzmava e alla giovanissima Federica Lombardi che debutta in questo ruolo: con lei la Scala continua a investire sui talenti usciti dalla sua Accademia. Jane di Seymour avrà invece la voce di Sonia Ganassi.

Anna Bolena, tragedia lirica in tre Atti, fu musicata da Gaetano Donizetti tra il novembre e il dicembre del 1830, su libretto di Felice Romani, ed era tratta dal dramma Henri VIII (Parigi, 1791) di Marie Joseph de Chénier. Anna Bolena fu rapprenentata per la prima volta a Milano, al Teatro Carcano, il 26 dicembre 1830.

Con quest’opera Dinizzetti raggiunse il culmine logico di tutta la sua precedente esperienza. La ragguardevole quantità di musica derivata da opere composte anteriormente, come «Otto mesi in due ore», «Il paria», «Imelda de’ Lambertazzi» nonché «Enrico di Borgogna», e riadattata per «Anna Bolena» parla a favore di un consistente e costante sviluppo anziché di un avvio totalmente nuovo. Il successo di «Anna Bolena» è ampiamente meritato e parte di esso va attribuito al complesso eccezionalmente favorevole di circostanze nelle quali fu composta.

L’opera in programma alla Scala è affidata alla direzione di Ion Marin in uno spettacolo dal taglio moderno, ma caratterizzato dai costumi d’epoca, di Marie-Louise Bischonfberger.

FRANCESCA CAMPONERO
Costo biglietti da 13 a 210 €.

Rispondi